Home arrow Ponte con il Madagascar
Un ponte con il Madagascar
Condividi

padre_mario_bonura.jpg Durante il Grande Giubileo del 2000 ha preso il via una bellissima esperienza di gemellaggio tra la chiesa di Trapani e la Diocesi di Fianarantsoa, una delle sei province del Madagascar, un ponte di vicinanza e solidarietà che arricchisce il nostro vissuto e lo apre all'orizzonte del mondo intero.

"Dai nostri viaggi ci siamo resi conto dell'assoluta mancanza di strutture di accoglienza - spiega il direttore dell'Ufficio don Mario Bonura -  gli anziani non hanno nè sussidi nè pensioni e molte persone non hanno un tetto nè cibo. In Madagascar l'80% della popolazione è malnutrita. La cruda realtà che in Madagascar si tocca con mano e che non  è facile descrivere, ci obbliga a rimboccarci le maniche".

madagascar_annalisa.jpg Per nove mesi è rimasta sull'isola anche una volontaria dell'ufficio, Annalisa Buscemi, un'insegnante di 26 anni che ha dedicato un tempo della sua vita ai bambini malgasci: "Quello che l'esperienza nella missione di Fianarantsoa mi ha fatto sperimentare è che l'amore vince ogni barriera - racconta - ricordo ancora il mio primo incontro nel preventorio. Qui tre suore carmelitane e qualche volontario si occupano di quasi 80 bambini rachitici: bimbi divenuti storpi per la denutrizione e la carenza di vitamine. Malgrado ciò questi bambini si considerano fortunati e quando arriviamo noi vasà, stranieri, con canti, balli, corone di fiori e poche, ma buone, parole ci dimostrano la loro gratitudine. Ricordo che una volta che siamo andati per consegnare dei banchi di scuola un rappresentante dei genitori ci ha detto un proverbio malgascio: ‘Ti vuole veramente bene chi ti viene a trovare' e ha continuato dicendo: ‘e voi ne avete fatta di strada!".

bambini_rachitici_sottoposti_ad_intervento.jpg Fra le numerose attività promosse dall'Ufficio quella dell'adozione a distanza, soprattutto di bambini affetti da rachitismo,che necessitano di particolari cure mediche. "Anche alcuni supermercati  stanno dando una mano - continua don Bonura - offrendo  100 mila sacchetti in cui i clienti, se vogliono, possono lasciare un'offerta per i progetti dell'ufficio missionario per il Madagascar".

 

Ogni anno la Diocesi di Trapani organizza una esperienza di formazione missionaria direttamente in Madagascar che negli anni ha coinvolto centinaia di giovani, professionisti, seminaristi.

Insieme alla conoscenza di una realtà complessa e difficile nel tempo diversi sono stati i progetti e le iniziative concrete che  grazie alla generosità e al sostegno di tanti hanno permesso di moltiplicare interventi di solidarietà.

 

Alcune opere realizzate:
  • Nella scuola di formazione dei catechisti alla periferia di Fianarantsoa, la costruzione di 18 servizi igienici e 10 pannelli solari per l'acqua calda, la sistemazione delle cucine a legna, tutto per le casette che ospitano per un anno e mezzo le singole famiglie di catechisti i quali dopo la formazione ritorneranno nei loro villaggio.
  • Nello stesso villaggio dei catechisti la realizzazione del granaio e una biblioteca con due stanze per gli ospiti, la sistemazione della diga per l'acqua del villaggio.
  • La costruzione di un "Centre Medico Social" per la prevenzione e la cura delle malattie infettive e la costruzione di un piano dell'ospedale di pediatria gestito dalla Diocesi di Fianarantsoa.
  • Le adozioni a distanza di bambini per permettere loro di studiare, e dei bambini rachitici nel preventorio gestito dalle suore teresiane, sostenendo le spese dei vari interventi ospedalieri, assieme alle adozioni a distanza dei seminaristi.
  • L'invio di un container con coperte, viveri, medicine, attrezzi 
  • Il finanziamento di banchi e sedie per le scuole di diversi villaggi della campagna e il completamento di aule scolastiche
  • L'acquisto di circa 8.000 mq di terreno con 1.000 mq di magazzini preesistenti, per realizzarvi la "Casa di accoglienza" S. Alberto da Trapani,
pannelli_solari_nel_villaggio_dei_catechisti.jpg
clinica_pediatrica.jpg
bimbi_trenino.jpg
 

 
© 2017 Diocesi di Trapani
Progetto e Contenuti a cura dell'Ufficio Diocesano per le comunicazioni Sociali
Grafica MOOD comunicazione e design
Hosting, personalizzazione, template e gestione di ASSO Informatica Snc su Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.